Getta la spugna Mediaset che ieri ha pubblicato i dati del terzo trimestre 2016. Pubblicità in ripresa ma ad affossare i conti del gruppo c’ è Mediaset Premium, la tv a pagamento che nessuno vuole.

Mediaset Premium Logo
Mediaset Premium. La pay tv italiana che nessuno vuole. Dopo il rifiuto di Vivendi, nessun futuro in vista per la tv a pagamento di Berlusconi

Si elogia, in CDA, l’ unico socio rimasto e che mette nelle casse qualche soldo: Telefonica. Altri non esistono e Mediaset è nella brutta situazione di aver pianificato il proprio futuro pensando di aver finalmente scaricato Premium e i suoi assurdi costi. Così non è stato perché alla fine Vivendi si è ritirata. E allora che fine farà Premium?

Si andrà per le lunghe e l’ accordo con i francesi sembra ormai impossibile. Solo che Premium, non solo non produce ma costa. E molto. E soprattuto non può andare avanti così ancora per molto, orfana di una società che voglia investirci, come necessario, con una concorrenza sempre più agguerrita ed invitante. Mediaset Premium, evidentemente, non riuscirà, stando alla situazione attuale, ad arrivare con le sue gambe alla prossima asta per l’ acquisizione dei diritti tv della Serie A.

Per ritirare i remi in barca, Mediaset ha disinvestito dal cinema e poi dai canali terzi, come quelli Disney e, dopo l’ azzardo probabilmente poco riuscito, della Champions League in esclusiva si vive navigando a vista. Il gruppo vuole tornare a puntare tutto sul free non solo con le tv ma anche con le radio, recentemente acquisite e che rendono il Biscione il primo network anche in questo settore.

Tutto il business resterà senza troppi grilli per la testa a concentrarsi sulla sola raccolta di Publitalia. Ma Mediaset Premium che cosa farà? La preoccupazione degli abbonati cresce ma per il momento non c’ è nessun piano, se non quello un po’ ardito di Marco Giordani, presidente di Premium, che dichiara:

“Siamo ancora assolutamente fermi sulla validita’ dell’accordo di aprile con Vivendi. Non prevediamo altro scenario se non la realizzazione del contratto: si puo’ discutere su quando verra’ attuato, ma non sul fatto che verra’ realizzato”

Insomma o Vivendi si compra Premium oppure non ci sono altre strade. E Vivendi Premium non se la comprerà, se non con un accordo capestro per gli italiani. Resterebbe, secondo qualche osservatore, l’ interesse di Sky, magari solleticata dall’ idea di riaffermarsi monopolista. Ma chi glielo fa fare? Forse in News Corporation preferiscono stare a guardare. E vedere quanto ancora può durare, una pay tv che di fatto, al momento, sembra non essere più di nessuno.

https://www.upgo.news/premium-cinema-difficolta/

 

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here