Cinema, solo cinema e tanto cinema. In prima serata ma anche per tutto il resto della giornata. Rigorosamente gratis e sul digitale terrestre. I canali cinema, anche gratuiti, sono quelli che riscuotono più successo nel pubblico televisivo.

Film sul Digitale Terrestre

Ne è un esempio Iris, prima rete digitale di Mediaset da sempre regina di ascolti. Il cinema per il digitale terrestre è un elemento di forte caratterizzazione. Per questo, oltre le reti generaliste che trasmettono qualche film, sono nate delle vere e proprie tv tematiche dedicate alla settima arte. Ecco quali sono.

Sala cinematografica
Il grande cinema sul digitale terrestre. I canali gratuiti per vedere film e solo film, in ogni momento della giornata (o quasi).

Il passaggio dalla tecnologia analogica al digitale terreste ha prodotto non solo un miglioramento della qualità del suono e dell’ immagine ma anche un aumento del numero di canali gratuiti offrendo una scelta più ampia da parte degli utenti.

Dedichiamo questo post ai canali gratuiti del digitale terrestre dedicati ai cinefili. Ecco la ricca offerta di settima arte sul DTT italiano.

Canali Cinema Digitale Terrestre

Tanti canali tematici, di editori diversi che però, va detto, in questi ultimi mesi hanno sofferto e non poco.

È vero che il cinema sul digitale terrestre tira sempre ma è anche vero che la proposta delle internet tv on-demand è sempre più ricca e variegata. E di fatto, ha educato il pubblico italiano a dinamiche diverse, con i film che non vanno più in onda ad orari precisi ma che si fruiscono “on demand” con la regola del “dove vuoi e quando vuoi”.

Vedere i film sul digitale terrestre è ancora di moda? Forse sì, in parte. Ma CineSony ad esempio, non è riuscita a farcela. La rete della major Sony non ha conquistato abbastanza pubblico (e abbastanza raccolta pubblicitaria) tale da poter sopravvivere. E alla fine il gruppo ha deciso per la chiusura del canale.

Ma andiamo a vedere, più nel dettaglio quali sono i canali in questo momento presenti:

PARAMOUNT CHANNEL

Partiamo con il canale Paramount Channel di Viacom che trasmette numerosi film dell’ omonima casa di produzione statunitense. Una vasta scelta di pellicole visibili in chiaro sul digitale terrestre.

Paramount Channel è ad oggi visibile sul canale 27 precedentemente occupato da Sky TG 24 che ha spostato la sua trasmissione sullo strategico canale 50 proprio in mezzo alle all news di Rai e Mediaset. Questo cambio è stato possibile poiché il canale di nicchia LaEffe del gruppo Feltrinelli, ormai da tempo con i conti in rosso, ha ceduto la sua frequenza passando sul satellite al canale 139 di Sky. Quindi per chi seguiva i numerosi film d’essai trasmessi da LaEffe ha in parte digerito il brutto colpo con l’ arrivo del nuovo canale tematico Paramount Channel.

Viacom era ben nota sul DTT italiano per la trasmissione dell’ ormai defunto MTV, oggi distribuito in esclusiva su Sky.

La programmazione di Paramount Channel è costituita da serie tv e soprattutto da film targati Paramount Pictures. Ad essa si aggiungono speciali sul mondo del cinema e della tv trasmessi la mattina e la notte.

La prima serata è organizzata per appuntamenti tematici: Lunedì: blockbuster, Martedì: thriller, Mercoledì: film romantici, Giovedì: serie tv, Venerdì: commedie, Sabato: film d’azione, Domenica: maratone.

RAI MOVIE

Altro canale gratuito del digitale terrestre che propone ottimi film nel suo palinsesto è Rai Movie. Qui parliamo in realtà di un canale storico. Nato nel lontano 1999 con il nome Rai Sat Cinema è stato per alcuni anni esclusiva di TELE+ ma gestito dalla RaiSat consociata Rai, specializzata specializzata nel confezionamento di reti per la pay-Tv.

Cambia nome nel 2003 in RaiSat Cinema World spostando al sua attenzione al cinema estero e trasmettendo: prime visioni, esclusive, extra e anche documentari di cinema scelti fra le migliori produzioni italiane, europee e internazionali.

La programmazione in seconda serata presentava opere più provocatorie, con il ciclo sul cinema proibito, oppure con film discussi e di tendenza.

Nel 2006 il palinsesto cambia ancora in favore del cinema di casa nostra con film ed eventi italiani. Ma nel 2009, causa il mancato rinnovo del contratto tra Rai e Sky, il canale passa dalla pay tv al digitale terrestre, diventando a tutti gli effetti un canale gratuito. Il nome cambia nuovamente nel 2010 in Rai Movie.

Canale quindi dedicato al cinema, con particolare attenzione al cinema italiano di ieri e di oggi. Propone anche opere di grandi maestri internazionali e film esteri spesso in lingua originale.

Nel 2019 si è paventata l’ipotesi di chiusura del canale con una sua possibile fusione con il canale di fiction RaiPremium. La nuova rete nascente da questo merge, perderebbe la tematicità sul cinema.

IRIS

Lo abbiamo citato all’inizio come esempio di successo del cinema in tv. È la prima in ordine di apparizione tra le reti born digital del Gruppo Mediaset: Iris. Si tratta a tutt’oggi di un fiore all’ occhiello dell’ offerta DTT ex Fininvest. Il suo share si attesta attorno ad un prezioso 1% risultando spesso, nella prima serata, tra le sette reti nazionali più viste.

Trasmette principalmente film sia italiani che stranieri. Spesso pellicole che non troverebbero spazio su altre reti generaliste articolando la sua offerta cinematografica con cicli tematici.

Passando dal cinema moderno e contemporaneo a quello del grande cinema d’autore. Nel palinsesto hanno un ruolo molto importante anche le rubriche dedicate come le rassegne sui classici del cinema, sulle opere italiane contemporanee, o serate dedicate a particolari generi cinematografici, e infine gli speciali su i grandi registi e attori. La rete ospita anche speciali edizioni di TgCom24 dedicate al grande schermo e allo showbiz.

CINESONY

CineSony digitale terrestre

Il 9 settembre 2017 si è aggiunta alla già ricca offerta di canali a tema cinema anche il nuovo CineSony, edito da Sony Pictures Television. Il canale offriva prevalentemente i film della major americana e programmi di approfondimento dedicato al mondo della settima arte, in coproduzione con Coming Soon.

Il canale si affiancava a Pop, l’ altro free del gruppo editoriale, dedicato invece ad un pubblico di bambini.

Nel 2019 è stata annunciata la chiusura di CineSony (e del fratellino Pop). Di fatto è la prima chiusura di prestigio per quanto riguarda i canali di film del digitale terrestre.

PREMIUM CINEMA

Logo di Premium Cinema
Logo del canale Premium Cinema

Sul digitale terrestre trasmette dal 2009 anche il canale Premium Cinema al quale si sono aggiunti nel tempo anche altre reti affiliate tematiche: Premium Cinema Energy, Premium Cinema Emotion e Premium Cinema Comedy.

Premium Cinema trasmette diverse prime visioni ogni mese, grazie agli accordi di partnership con la major Universal.

A differenza degli altri canali citati in questo articolo, Premium Cinema è a pagamento. Come rete pay tv veniva veicolata sul digitale terrestre all’interno della piattaforma proprietaria Mediaset Premium, ormai definitivamente spenta.

Oggi Premium Cinema è veicolato sul digitale terrestre in esclusiva da Sky. Quindi, per vedere Premium Cinema e le altre tre reti di genere, è necessario attivare una delle offerte di Sky. Sul digitale terrestre, lo ricordiamo, non sono invece presenti i canali a pagamento di Sky Cinema.

Mediaset Premium Cinema difficoltà

Quanti canali ci sono in totale in Italia?

Ogni volta che facciamo una risintonizzazione dei canali del digitale terrestre ne scopriamo tantissimi. A occhio e croce tra nazionali e locali più i canali radio, numericamente i canali in chiaro attualmente sono oltre 400.

Quali e quanti sono i canali tv oggi presenti nella televisione italiana? E come sono distribuiti?

Un’analisi interessante ci arriva da Confindustria Radio Tv che fa una fotografia dello stato attuale del panorama televisivo in Italia, sia sul DTT che sul sat e ovviamente anche via internet tv. La ricerca è aggiornata al primo semestre del 2017.

I canali in totale sono 361 distribuiti su 59 editori che hanno sede in Italia. 130 canali si trovano solo sul digitale terrestre mentre 291 fanno parte della piattaforma satellitare. 126 sono sono gratuiti distribuiti tra dtt e TivùSat mentre 235 sono a pagamento per i principali bouquet nazionali.

I canali in HD sono principalmente su satellite che ammontano a 93. Quelli accessibili gratuitamente tra dtt e TivùSat sono 27, in aumento nell’ultimo periodo.

A guidare la classifica degli editori con il maggior numero di canali c’è Sky Italia (116), seguito da Mediaset (39), Rai (26), Fox International Channels Italy (24) e Discovery (21). Ad eccezione della Rai, completamente gratuita, e di Fox, che viceversa comprende solo canali a pagamento, l’offerta degli altri operatori si diversifica tra gratuita e a pagamento.

Nell’analisi, come accennato prima rientrano anche i vari servizi on demand che in questi anni in Italia sono aumentati e si sono fatti sempre più spazio: si parte dai player internazionali più famosi come Netflix e Amazon Prime Video. In campo stanno scendendo sempre più anche i gestori telefonici con le loro piattaforme come TimVision, e anche, in tempi più recenti, Vodafone.

La tv tradizionale anche se in calo resiste!

La televisione tradizionale si conferma il primo mezzo per consumi nel nostro Paese, seguito da Radio e internet. Nel 2016 il numero totale di spettatori medi giornalieri è stato pari a circa 45,5 milioni, in calo dello 0,9% sul 2015, con un consumo pro capite di 5 ore e 18 minuti. Negli ultimi 5 anni il numero è diminuito del 4,6%, a fronte di un aumento della permanenza di circa 7 minuti.

La radio nel 206 ha potuto contare invece su 35,5 milioni di ascoltatori nel giorno medio, in rialzo sugli anni precedenti. In crescita anche il tempo medio speso all’ascolto, arrivato a 3 ore e 22 minuti nel 2016 registrando un +1,5%.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here