Ha cambiato la storia di questa Paese. Lo ha certo influenzato politicamente ma forse più di tutto, Silvio Berlusconi ha cambiato la testa degli italiani. E ne ha allevati di nuovi. Con le sue tv, con il suo stile di vita. Esagerato, eccessivo, iperbolico. Perché la vita di Silvio Berlusconi, comunque la si pensi, è la sintesi dei valori nuovi, di una società più ricca e un po’ più stupida, perfettamente sintetizzati dai format della tv commerciale.

Documentario su Silvio Berlusconi Netflix
Il documentario sulla vita di Silvio Berlusconi, su Netflix. La lunga intervista di Alan Friedman trova spazio sulla tv in streaming.

A partire da quella preistorica, degli anni ’80, degli Umberto Smaila e delle tette. Fino a quella dei giorni nostri, ancora più decadente, tutta a reality show e che soffre la concorrenza del digitale e dello streaming internet.

E’ un terreno neutro, libero, quello dove trova casa forse il più completo racconto mai fatto sulla vita di Silvio Berlusconi. My Way è una lunga chiacchierata tra l’ ex premier e Alan Friedman, celebre giornalista che con uno stile un po’ piacione mette il leader a suo agio. Facendolo sbottonare. Entrando, finalmente nell’ intimo di una personalità complessa.

Ma quella di Friedman non è in realtà la storia di Silvio Berlusconi. E’ una ricerca in un Paese ancora poco consapevole dei suoi ultimi 20 anni. E per scoprire il vero Silvio Berlusconi e quello che c’ è dietro, bisogna un po’ magnificarlo, come sa fare Friedman.

E’ un racconto storico. Dal documentario-intervista non emerge alcun punto di vista nuovo né tantomeno alcuna visione del Paese futuro del Berlusconi politico. My Way dà l’ idea di quanto, in realtà, si sia chiusa un’ epoca. Non c’ è più nulla da aggiungere. E’ forse, in questo senso, il primo documentario su Berlusconi che assume le fattezze di una testimonianza storiografica.

E non è un caso, che tutto ciò trovi spazio su Netflix. La tv nuova che non esisteva. Un terreno neutro, mai intaccato da quella guerra che fu e che modificò per sempre, il destino del nostro Paese.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here