Elezioni amministrative dell’ 11 giugno 2017. Solita formula con super Mentana e con la sua maratona. Ma con un ingrediente inedito. La lunga diretta televisiva tirerà su gli ascolti della settima rete nazionale e ad aiutare Enrico Mentana questa volta ci sarà il nuovo volto leggero della rete: Diego Bianchi, in arte Zoro.

Elezioni in tv 11 giugno Enrico Mentana
Enrico Mentana questa sera di nuovo re della televisione. Su La7 la #MaratonaMentana #MaratonaSindaci dedicata alle elezioni amministrative. E da Lampedusa spunterà Diego Bianchi.

E’ di pochi giorni fa l’ ufficializzazione dell’ entrata di Diego Bianchi nella squadra di La7. Cairo evidentemente non vuole perdere tempo e sfruttare fin da subito la nuova acquisizione.

Così, in attesa della nuova stagione televisiva e dei nuovi spazi esclusivi dedicati a Zoro e alla sua squadra, la stella della satira politica (scappato dalla Bignardi), sarà parte del Mentana dream team di questa sera.

Soliti collegamenti e formazione consolidata. In studio con Enrico Mentana, questa sera a partire dalle 22.30 ci saranno Alessandra Sardoni, Aldo Cazzullo e il re degli opinionisti Marco Damilano (recentemente vittima di un’ aggressione inconsueta ad opera del sempre controllato Massimo D’ Alema che in diretta tv, lo ha accusato di essere semplicemente “stupido”).

Ma ai ping pong classici del dibattito e ai dati di sondaggi ed exit poll, si aggiungerà questa sera l’ ironia intelligente di Diego Bianchi che sarà però in collegamento dall’ isola di Lampedusa.

Inizio, come detto, fissato per le 22.30. La7 offrirà una copertura da vera all news e probabilmente porterà a casa il risultato migliore in termini di Auditel. La concorrenza è soprattutto con lo Speciale Porta a Porta di Rai 1.

Enrico Mentana ha preteso da Cairo l’ inizio già alle 22.30 costringendo l’ editore ad una partenza anticipata della prima serata.

Mentana che fa e disfa palinsesti, come un quasi direttore di rete. Ma c’ è poco da fare, la formula Maratona funziona. E Zoro sarà quel pizzico di pepe che ad Enrico non manca. Ma che in fondo non è mai troppo.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here