Colpaccio dell’ anno per Mediaset. Il Gruppo di Cologno Monzese acquisisce, in esclusiva, i diritti per i prossimo Mondiali di Russia 2018. Il torneo internazionale pieno di amarezza, vista la prestigiosa esclusione della nostra nazionale, sarà trasmesso da Canale5, Italia1 e Rete4.

Mediaset
Mediaset acquisisce i diritti per Russia 2018. Tutte le partite del Mondiale saranno su Canale5, Italia1 e Rete4. Nessuna esclusiva per la pay tv Mediaset Premium.

Le partite di Russia 2018 andranno tutte in onda, in esclusiva da Mediaset, sui canali free to air e in alta definizione. Ma ci sarà anche trasmissione su Premium Sport, il canale a pagamento sul digitale terrestre di Mediaset Premium. Leggi il post le partite del Mondiale su Premium.

Gli altri competitor, RAI in testa, sembra che alla fine abbiano rinunciato a questo evento sportivo. Troppo alti i costi alla luce dell’ assenza dell’ Italia. E troppo incerti i proventi derivanti dalla pubblicità, nel difficile periodo estivo.

Così Mediaset si è presa questo rischio e per la prima volta la Coppa del Mondo FIFA 2018 con tutte le sue 64 partite andrà sulla tv commerciale in chiaro sui canali Mediaset. Resta un po’ nell’ angolo, la pay tv del gruppo, Mediaset Premium.

Un rischio forse ben ponderato visto che l’evento inizierà dal 14 giugno 2018, quindi in periodo fuori garanzia dal punto di vista degli ascolti. Anche se non ci sarà il boom e il forte traino degli azzurri, sarà comunque un evento apprezzato da molti spettatori.

La prima partita inaugurale sarà Russia-Arabia Saudita che si disputerà a Mosca allo stadio Luzniki. La finale è in programma il 15 luglio, sempre allo stadio Luzniki di Mosca.

Ovviamente questa esclusione non è piaciuta alle alte sfere della Rai, come dichiarato dallo stesso sindacato Usigrai:

Il Mondiale di calcio per la prima volta sarebbe fuori dalla Rai. Una decisione che reputiamo densa di rischi. Il primo è quello dell’erosione del ruolo di servizio pubblico con scelte che cominciano a sembrare frutto di una strategia mirata alla delegittimazione della Rai come patrimonio dei cittadini. Ci chiediamo se vi sia consapevolezza di questo nei vertici aziendali e anche nell’azionista

FONTE

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here