Ogni volta che si cerca di dare la tv satellitare per spacciata o comunque in difficoltà, ecco che Sky risale brillantemente la china e ad oggi, dopo la totale e definitiva acquisizione anche di tutta la piattaforma tecnologica di Mediaset Premium: la tv satellitare è sola e unica al comando di un mercato comunque ricchissimo.

Monopolio Sky
Sky, monopoly nella pay tv italiana. Ora che Mediaset Premium ha gettato la spugna, Sky si prende tutto.

Sky sta ormai facendo asso pigliatutto ed è sempre più disponibile diversificando i modelli di fruizione: on demand, streaming, via fibra, digitale terrestre e ovviamente parabola satellitare.

Nel prossimo futuro di Sky ci sono la fibra con Open Fiber, l’integrazione di Netflix sulla piattaforma Sky Q e chissà se ci sarà quel chiacchierato e poi mai confermato sbarco anche nella telefonia fissa e mobile italiana. Ma in questo caso al momento restano solo chiacchiere.

Sky piglia quasi tutto lo sport

Si può anche non amare la pay ma sfido chiunque a mettere in dubbio che da sempre la tv di Sky è pioniera e unica piattaforma ad offrire una proposta di calcio e di sport ampia, ricca e interattiva.

Negli anni sicuramente ci sono stati periodi più difficili, ad esempio quando anche Mediaset Premium ha avuto il suo periodo d’oro con un’offerta calcio davvero competitiva soprattutto sui costi.

Di recente, sempre rimanendo sul calcio, con gli ultimi accordi, Sky si è lasciata sfuggire parte dei diritti sulle partite di calcio di Serie A e Serie B, dovendoli oggi dividere con DAZN con cui comunque ha una partnership per poter offrire ai propri abbonati comunque dei vantaggi. Ma l’azienda di Murdoch ha la sua grande rivincita con tutti gli altri sport, anche minori.

Con le nuove acquisizioni l’offerta sport di Sky è a dir poco impressionante per un totale di 1100 ore di diretta, 34 weekend coinvolti dalle gare mondiali, 21 GP di Formula 1, 19 di MotoGP, 13 round di SuperBike, 2 mega-weekend con i tre campionati principali in contemporanea.

Ovviamente l’interattività sarà ai massimi livelli possibili, così come la possibilità di seguire i propri eventi sportivi in mobilità con Sky Q, Sky Go senza trascurare anche lo streaming di Now Tv per coloro che sottoscriveranno il ticket specifico.

Grazie a Sky Q ovviamente sempre più eventi sportivi saranno anche in 4K, senza trascurare il digitale terrestre sia nell’offerta a pagamento e sia in chiaro grazie a TV8 con eventi in simulcast come: 5 GP di Formula 1 (Monte Carlo, Gran Bretagna, Italia, Stati Uniti, Abu Dhabi), 6 di MotoGP (Italia, Catalogna, Olanda, Spagna, San Marino, Comunità Valenciana) e tutta la SuperBike.

Dicevamo anche le competizioni cosiddette minori ma che hanno comunque un alto seguito in Italia come le F2 e  F3 (dove debutteranno i figli d’arte Mick Schumacher e Giuliano Alesi), la Porsche SuperCup, la Porsche Carrera Cup Italia e Ferrari Challenge.

Non mancheranno i campionati Moto2 e Moto3, il Campionato Italiano Velocità e quello spagnolo, la Rookies Cup e l’attesissima Moto E (il campionato con le moto elettriche su base Energica Ego in versione Corsa), sempre più seguita come manifestazione.

Sky e Mediaset a che punto siamo?

Da quando è iniziata la partnership storica tra Mediaset e Sky, da sempre nemici giurati poi diventati collaboratori, diverse cose sono cambiate anche per i clienti di entrambe le piattaforme.

Infatti gli abbonati di Mediaset Premium hanno avuto la possibilità di accedere anche alla ricca programmazione di Sky su digitale terrestre, medesimo discorso per gli abbonati Sky che hanno visto aumentare ulteriormente l’offerta di canali sui pacchetti Sky Tv, Sky Cinema e Sky Famiglia. Il tutto senza aumenti nei costi dei singoli pacchetti.

Con la vendita definitiva di tutta la piattaforma tecnologica di Mediaset Premium a Sky, piattaforma che potrebbe definitivamente spegnersi la prossima estate, si è arrivati per così dire alla chiusura totale di tutto l’iter previsto da questa partnership.

Mediaset rimarrà comunque editore dei contenuti e del confezionamento dei canali Premium: a tutto il resto penserà Sky.

Intanto sono sbarcati su Sky anche tutti i canali free di Mediaset: Rete 4, Canale 5 e Italia Uno in versione HD sono tornati alle posizioni 104, 105 e 106 del telecomando. Anche il canale 20 è accessibile da Sky in modalità HD. Iris diventa uno dei canali del pacchetto Sky Cinema visibile gratis e disponibile anche per coloro che non sono abbonati al pacchetto cinema.

A proposito poi del pacchetto cinema: segnaliamo che dall’8 marzo 2019, i canali Sky cinema subiscono una riorganizzazione sia in termini di numerazione che di contenuti anche in virtù dell’arrivo dei titoli Universal. Nelle prossime ore torneremo ad approfondire meglio il tema cinema di Sky.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here