Tv » Blog Pay Tv » Netflix all’estero. Come vedere i Netflix degli altri Paesi con le VPN

Netflix all’estero. Come vedere i Netflix degli altri Paesi con le VPN

Netflix all'estero

Come vedere Netflix all’estero e come usare le VPN per curiosare nei Netflix degli altri Paesi. Vi spieghiamo in questo breve post come si fa.

Si può viaggiare anche su Netflix, ebbene sì e non solo con la fantasia o tra le trame di un film. Ogni paese europeo e non ha il suo catalogo a causa degli accordi che la stessa star dello streaming ha stipulato con il proprio paese d’appartenenza. Ogni catalogo possiede la sua rosa di film e serie ma si può accedere ai cataloghi esteri o di un altro Paese. Vi spieghiamo rapidamente come.

Netflix VPN
Netflix VPN. Come vedere cataloghi esteri con l’ abbonamento Netflix Italia

Esistono show presenti nel Netflix americano che non è possibile vedere nella versione italiana. In molti cataloghi, ad esempio, è disponibile la serie The Walking Dead, mentre questa non è visibile da Netflix in Italia. Ad esempio, se in Italia una certa serie TV è stata comprata da Sky, non è possibile vederla su Netflix accedendo al catalogo USA. A questo punto le domande sorgono spontanee: come posso accedere al catalogo Netflix di un’altra nazione? Come si può fare? Procediamo per gradi.

Leggi: come guardare le categorie segrete di Netflix e costi e prezzi di Netflix

È POSSIBILE VEDERE IL CATALOGO NETFLIX ESTERO?

Intanto ciò che è doveroso sapere è che la nazione d’appartenenza Netflix la individua automaticamente, quindi anche in caso di viaggi o di permanenza in un altro Paese, non potete correggere manualmente il vostro stato e forzarlo. Anche perché esistono delle leggi che tutelano e impediscono che diritti appartenenti ad un Paese vengano visti in territorio di un altro Paese. In gergo si chiama geoblocking, ovvero quell’insieme di limitazioni nell’utilizzo dei servizi, su base geografica. Detto ciò se la durata del vostro viaggio dovesse prolungarsi mesi, sarà la stessa Netflix a mandarvi un’email e ad aggiornare il catalogo con quello del Paese di adozione temporanea.

Stessa cosa in caso di trasferimento permanente all’estero, Netflix aggiornerà automaticamente catalogo e abbonamento, così anche la fatturazione. L’utente continuerà a pagare Netflix come e quando si è. Netflix è attualmente presente in 190 Paesi.

NETFLIX VPN

Se non dovete fare nessun viaggio ma semplicemente vi interessa curiosare tra i cataloghi degli altri Paesi, l’unica soluzione è quella della VPN. Che cos’è una VPN? La VPN, acronimo per Virtual Private Network, è una rete privata che, sfruttando la rete pubblica Internet, crea una connessione virtuale tra voi e un server che può essere situato ovunque geograficamente. Detto in parole povere: con la VPN puoi usare un IP diverso da quello fornito dal provider, anche estero.
Usando quindi la VPN potete collegarvi ad esempio a un server Usa in modo da ottenere un indirizzo IP Statunitense, e accedere quindi al catalogo Netflix USA.

Logicamente Netflix non ama le VPN ma sul web si trova facilmente la lista completa dei migliori VPN ovviamente a pagamento. Ne spuntano fuori di nuove in continuazione. Le VPN iniziano ormai a coinvolgere un sostanzioso numero di utenti. C’è da dire che per quanto Netflix possa scoprire e bloccare una VPN, la maggior parte dei paesi europei e non, ne consentono legalmente l’uso, fatta eccezione della Cina e della Russia che applicano misure più rigide.

Le VPN mantengono ignota l’identità e si possono continuamente cambiare. Le VPN variano anche nei costi, ma tendenzialmente i prezzi sono ridicoli. Netflix può comunque bloccare una VPN anche se non può risalire all’identità di chi le usa. Netflix ha riposto le armi riguardo alle VPN anche se la caccia alle streghe prosegue e la regina dello streaming si avvale comunque del potere di bloccare in qualsivoglia momento le VPN che riesce a scovare. Ricordiamo, per correttezza, che lo scopo delle VPN non è solo scandagliare i cataloghi esteri delle varie piattaforme streaming ma anche aumentare la sicurezza di chi naviga, nascondendo a provider e software una serie di dati personali sensibili.

Lascia un commento