Ecco le novità presentate oggi da Cologno Monzese relative alla piattaforma pay tv Mediaset Premium.

Le novità di Mediaset Premium
Ecco le novità presentate oggi da Mediaset Premium. Ultra Premium con l’ ultra altra definizione e la preoccupazione sul futuro della piattaforma

Presentazione alla stampa un po’ sottotono per Mediaset Premium, che riprova a rilanciare la propria piattaforma con nuovi prodotti ma che non nasconde le difficoltà. In corso un’ emorragia di clienti e gli obiettivi prefissati, grazie all’ esclusiva Champions League, sono in realtà molto lontani. Meno duecentomila abbonati imputati, dai vertici del Biscione, alla ormai nemica Vivendi, che ha lasciato la pay tv nel baratro.

Il 23 novembre si avrà una prima pronuncia sul caso Mediaset – Vivendi e forse è quella la vera data nella quale sarà chiaro il destino di Premium.

Le novità annunciate oggi riguardano prima di tutto il calcio, da sempre fiore all’ occhiello dell’ offerta Premium. I big match saranno presto trasmessi in 4K, l’ ultra hd, grazie alle tecnologie di Samsung. Il Biscione lo chiama Ultra Premium ma difficile pensare che sia un servizio realmente attrattivo visto che sarà destinato ad una piccolissima fetta del parco tv italiano.

Poi c’ è il cinema, con l’ unica novità degna di nota di Merry Animation, nuovo canale a tema natalizio del quale abbiamo rivelato in anteprima i dettagli in questo post.

Ma sul cinema pesa la decisione di Medusa, i cui diritti sono stati venduti in via esclusiva, giusto poche ore fa alla concorrente Sky. Ci si possono leggere due segnali: disinvestimento totale, visto che nemmeno la loro casa di produzione interna crede più al progetto Premium o forse, vendita (svendita) di tutti i canali a quelli di Sky, che sarebbero ben felici di tornare a ragionare nel segmento pay tv, da monopolisti.

Sulla crisi del pacchetto cinema di Mediaset Premium vi invitiamo a leggere questo post, che descrive la delusione degli abbonati.

Franco Ricci però, ad di Premium, prova a tenere in piedi l’ offerta, proprio puntato sulla tecnologia e la qualità di visione, e dichiara: “Finalmente si torna a parlare di Premium per la qualità e l’innovazione dell’offerta al pubblico di contenuti esclusivi. Oggi siamo l’unica pay tv in Italia ad offrire match di Serie A in 4K: si tratta del primo, ma non l’unico elemento della ripresa di un percorso di crescita e sviluppo di Premium iniziato lo scorso anno e che ora riparte di slancio”.

Di fatto però, gli utenti continuano a pagare un abbonamento ad una tv che non si sa più bene se abbia davvero un proprietario.

1 commento

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here