Nuovo Digitale Terrestre. Speciale UpGo.news

Le novità tecnologie volano alla rapidità della luce, e questa volta la svolta tech riguarda i nostri televisori. Sta per iniziare una nuova era, quella dei decoder di seconda generazione. Abbiamo vissuto in questi anni il passaggio definitivo dall’analogico al digitale, per questa ragione è giunto il momento di evolversi e migliorare anche gli strumenti tecnici che permettono l’innalzarsi della qualità video del digitale terrestre.

Per chi non l’avesse capito, stiamo parlando dei nuovi decoder e del bonus tv. La novità voluta dalla Comunità Europea è che entro il 2022 le case degli italiani saranno dotate di un nuovo digitale terrestre, anche chiamato digitale terrestre 2. Ciò comporta che tutte le tv dovranno essere a norma con il DVB T 2 ovvero il nuovo standard richiesto dall’Europa. Chi non è a norma o non possiede una tv DVB T 2 dovrà correre ai ripari.

Questa legge del 2018, ha posto come limite ultimo, luglio 2022. Durante tutto quest’arco di tempo possiamo informarci, conoscere meglio la tv di casa e capire come fare per adeguarci al cambiamento. In sostanza bisognerà possedere una tecnologia DVB T2 e un Codec Hevc al posto degli attuali Mpeg 2 e 4, per la compressione dati e una buona qualità video.

Tecnicismi a parte, viene anche messo a disposizione un Bonus Tv e Decoder, da utilizzare una sola volta entro Dicembre 2022.

Bonus Tv e Decoder per il nuovo digitale terrestre

DVB T2

In cosa consiste? Bisognerà intanto munirsi dei documenti Isee, non superare 20.000 euro annui per poter richiedere ed usufruire del bonus. Il Bonus è uno sconto di 50 euro o del prezzo della vendita, a seconda se si tratta di un decoder, o altro. Bisognerà presentare direttamente al venditore un’ auto dichiarazione in cui scritto che il proprio Isee non supera i 20.000 euro annui e che nessun altro membro della famiglia ha usufruito del Bonus.

Basterà allegare alla richiesta del bonus, la fotocopia del proprio documento d’identità e poi sarà il venditore di riferimento a far partire la pratica e lo sconto per decoder o tv.

Il venditore a sua volta avrà già fatto la registrazione tramite il portale dell’Agenzia dell’Entrate per poter inviare la richiesta dell’acquirente. Sarà lo stesso servizio telematico che fa capo all’Agenzia delle Entrate a valutare la validità della richiesta per poter emettere il Bonus a chi di diritto.

Non conosciamo al momento la tempistica di una simile procedura, ma essendo anche i venditori formati ad hoc sulla nuova normativa Europea e il bonus Tv, pensiamo bastino pochi minuti per verificare la validità della richiesta.

Vogliamo tranquillizzare i nostri lettori, chiarendo un punto a mio avviso fondamentale. Non è detto che vadano cambiati tutti i televisori entro giugno 2022. Dal 2016 in poi tutti i punti vendita di elettronica avevano già avuto il divieto di vendere le vecchie tv non idonee ai cambiamenti futuri. Quindi i vostri televisori, potrebbero supportare il nuovo standard europeo, e basterà premunirsi di un nuovo decoder.

Da Gennaio 2017 sono andati in commercio tutte tv già abilitate ad un decoder Dvb t 2. Basterà quindi fare due calcoli, cercare di ricordare quando è stata comperata la tv di casa e poi nel dubbio si può chiedere ad un venditore di riferimento.

Al momento restate collegati, e vi forniremo sempre qui su UpGo.news tutte le novità a riguardo.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here