Sky Italia chiude il 2017 in positivo. Secondo i dati diramati da Italia Oggi, la tv satellitare chiude l’anno con ricavi di 2,885 miliardi di euro pari ad una crescita del 3% rispetto allo scorso anno. Un risultato ottimo che conferma ulteriormente il trend positivo dell’azienda nonostante il periodo di forte crisi generale e ovviamente la concorrenza sempre più spietata di colossi streaming come Netflix e Amazon.

Sky Tv
I conti di Sky nel 2017. Bene ma non benissimo. Torna timidamente a crescere la base abbonati.

Nonostante i numeri siano più che positivi e incoraggianti, dai piani alti di Sky fanno sapere che l’utile tende a ridursi a 19,8 milioni considerando i costi del fair value su contratti deriva­ti stipulati a copertura delle oscillazioni del cambio del dollaro e della sterlina rispet­to all’euro. Queste precisazioni però non guastano l’ottima notizia dei conti in utile per quest’anno. Diamo ora i numeri più nel dettaglio.

I ricavi dagli abbonati residenziali sono saliti a 2,346 miliardi di euro con un +1,6%, quelli derivanti dalla rivendita di contenuti a terzi: in effetti è proprio questa voce che, in sostanza, mette a posto il bilancio di esercizio di Sky Italia chiuso al 30 giugno 2017.

L’ammontare passa infatti dai 64,6 milioni di euro del 2016 ai 115,5 milioni del 2017, e la crescita è in buona parte dovuta alla cessione di diritti tv alla Nuo­va società televisiva italiana srl, che edita il canale in digitale terrestre TV8 e che, come Sky Italia srl, è controllata al 100% da Sky Italian holdings spa, e alla cessione alla Rai delle Olimpiadi di Rio 2016.

Esito negativo però sul fronte della raccolta pubblicitaria scesa a 233 milioni di euro con un calo del 3,2%, un dato emerso dal confronto con il 2016 quando erano in onda i Campionati europei di calcio. Dato negativo sulla raccolta pubblicitaria anche dalla pay per view, il comparto che forse soffre di più nel 2017 e che scende a quota 39,3 milioni di euro con un -10,8%.

Dalla marea di dati emersi, viene fuori però un deciso aumento del costo del personale che sale del 6,8%. I costi operativi salgono del 2,3% e un leggero calo arriva dai costi per l’acquisizione di diritti televisivi che scendono dello 0,6% con quota 1,489 miliardi di euro.

Ottimi risultati anche dal punto di vista degli investimenti pubblicitari che Sky Italia mette in atto costantemente con una spesa complessiva per il 2017 di 178,9 milioni di euro tra promozione e pubblicità tradizionale.

Guarda: Le offerte Sky di oggi

Intanto al 30 giugno 2017 lavorava­no a Sky Italia 2.892 persone (erano 2.805 nel giugno 2016), di cui 2.210 a Milano, 674 a Roma, quattro a Bologna e quattro a Napoli. Ci sono 136 dirigenti (erano 144 nel 2016), 452 quadri (438), 1.945 impiegati (1.871) e 359 gior­nalisti (352).

L’azienda satellitare ha toccato quota 4.783.000 abbonati, in crescita, con un un netto miglioramento dell’ebitda e dell’ebit. Sono oltre due milioni gli abbona­ti fedeli che partecipano alla iniziativa Sky Extra, circa 3,4 milioni di clienti hanno il de­coder MySky e 2,3 milioni di abbonati usano Sky Go.

Leggi: Offerte nuovo abbonamento a Sky Calcio

Tv8. Il canale in chiaro di sana e robusta costituzione

Una delle novità degli ultimi tempi per quanto riguarda il digitale terrestre è senza dubbio Tv8 al canale 8 del telecomando. Il canale grazie proprio alla sinergia con Sky sta ottenendo ottimi risultati in un tempo relativamente breve anche se per il momento la raccolta non riesce a portare in positivo i conti dell’ iniziativa.

Dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017 i ricavi di Tv8 sono stati pari a 50 milioni di euro, tutti derivanti dalla raccolta pubblicitaria a cura della concessionaria Sky Media, ed esattamente raddoppiati rispetto ai 25,7 mln del 2016. Il canale però ad oggi presenta dei costi ancora molto alti.

Sky Italia cede a Tv8 programmi in esclusiva tra cinema, reality e talent show come: The Real, Italia’ s got talent 2017, Kids got talent 2017, Edicola Fiore, X-Factor 2016, MasterChef 5, Hell’ s Kitchen 3, Singing in the car 2, il MotoGp 2016 e 2017 o le partite di calcio di Uefa Europa League.

Quando si dice bene ma non benissimo. Ma comunque è la strada giusta per continuare a crescere.

FONTE

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here