Home » UpGo Tv » Mediaset » Sottotitoli pagina 777 spariti dai canali Mediaset

Sottotitoli pagina 777 spariti dai canali Mediaset

Sottotitoli Mediaset

Spariti definitivamente i sottotitoli dai canali televisivi Mediaset. Un grande problema per le persone più anziane o per i diversamente abili che fino a poco fa si avvalevano del Televideo di Mediaset per seguire i propri programmi preferiti col supporto del testo scritto. Purtroppo anche la famosa pagina 777, quella che da sempre fa riferimento ai subs sia sul teletext Rai che su quello di Mediaset, segue lo stesso destino del Mediavideo: cancellazione totale del servizio. Almeno stando a quanto ci testimoniano in questo momento i nostri lettori.

Abbiamo già scritto della chiusura del Mediavideo di Mediaset in questo post e sul nostro Canale Telegram potete ricevere ulteriori aggiornamenti sul destino di questo servizio. Fatto sta che ad oggi, Mediaset, non sembra più interessata a mantenere il servizio di televideo, una tecnologia in effetti un po’ vecchia in buona parte soppiantata dalla presenza di internet su smartphone, computer e tv.

Insomma, nella nostra vita iper-connessa, non c’è più spazio per il caro, vecchio, classico Televideo. Ma la decisione dei vertici del Biscione potrebbe lasciare tristemente nel silenzio tantissimi sordi italiani e, più in generale, persone anziane che ancora sul televideo si informavano e guardavano film, serie e soap con la sottotitolazione.

Come attivare i sottotitoli senza televideo

Tuttavia, anche in assenza di Televideo (Mediavideo) è possibile attivare i sottotitoli bypassando quindi la pagina 777. Tv e decoder di nuova generazione hanno telecomandi generalmente dotati del tasto “sottotitolo” oppure “sub”. Cliccando su quei tasti è possibile richiamare la funzione sottotitoli, disponibile comunque solo su alcuni programmi, a discrezione dell’emittente televisiva.

2 commenti su “Sottotitoli pagina 777 spariti dai canali Mediaset”

  1. Vorrei vedere beautiful con sottotitoli perche non fanno più e sono delusa e sono sordomuta non capisco cosa parlano senza sottotitoli…

    Rispondi
  2. La RAI (mooooolto più intelligentemente di Piersilvio!!!) ha mantenuto il servizio, invece, anche nei telegiornali oltre che per alcune trasmissioni culturali (tipo Superquark, per esempio) e non è difficile trovare anche qualche film sempre che sia sottotitolato ‘a monte’, ovviamente. Persone anziane e/o disabili non sono spazzatura dell’umanità (anche considerando che la vecchiaia è un fenomeno “naturale” cui tutti, prima o poi, vanno soggetti: sono due categorie di persone che andrebbero ‘coccolate’ e non messe da parte; il fatto che esistano smartphone e tablet e smart TV (forse Piersilvio non ha considerato che non tutti – soprattutto gli anziani – sono in grado di usarli?) non giustifica comunque la cancellazione di questo servizio. La cosa più triste è che anche i produttori di TV si sono adeguati … addirittura togliendo dai nuovi apparecchi prese cuffia e usb!! Personalmente, per trovarne uno adatto al nuovo digitale con queste due caratteristiche (per me essenziali data la mia disabilità) ho dovuto ripiegare su un 19 pollici di una delle sole due marche (Trevi e Sinudyne) che ancora ne producono.
    Non ho mai amato la RAI, ma almeno mi consente di passare un paio d’ore pseudo-decenti … Spiacente per Piersilvio, ma la qualità dei suoi programmi è ‘scaduta’ notevolmente (ma davvero le ‘botole’ fanno audience? o Paperissima? e quant’altro di simile? e davvero c’è gente disposta ad attendere le 21,40/21,45 per vedere qualcosa?) come se il livello medio culturale degli italiani si sia improvvisamente deteriorato al punto dell’età della pietra!!! Se a questo aggiungiamo la non possibilità di capire qualcosa di ciò che viene detto …. a Voi le debite conslusioni.
    Possibile non ci sia nessuno in grado di portare avanti le nostre rivendicazioni?

    Rispondi

Lascia un commento