Tarak Ben Ammar ospite del programma di Gianni Minoli su La7, parla del futuro delle telecomunicazioni italiane. A partire dall’ affare Mediaset – Vivendi. Secondo Tarak Ben Ammar non c’ è nessuna guerra tra i due gruppi e la speranza di un accordo è ancora viva.

Tarak Ben Ammar il futuro di Vivendi - Mediaset
L’ imprenditore tunisino è il centro della trattativa tra Mediaset e Vivendi e azionista di Tim. A Faccia a Faccia, di Gianni Minoli, su La7, ha parlato del futuro delle telecomunicazioni italiane.

Del resto, è proprio l’ imprenditore tunisino, proprietario di Nessma Tv, la Canale 5 del Maghreb ad aver fatto da ponte tra il gruppo francese e quello italiano. Ponte che evidentemente si è rotto in piena estate, quando Vivendi ha deciso di cambiare la propria valutazione di Premium, la pay tv del gruppo di Cologno Monzese.

Dopo il ritiro di Vivendi dall’ affare è iniziato un periodo nero per Mediaset Premium, tanto che gli analisti di Milano Finanza si sono addirittura spinti a paventarne la chiusura nell’ estate 2018.
Mediaset Premium potrebbe chiudere? Ecco l’ analisi di Milano Finanza

Tarak Ben Ammar, nell’ intervista che potete vedere integralmente più sotto, apre alle speranze, sottolineando come l’ affare Mediaset – Vivendi, non riguardi semplicemente due personaggi, Berlusconi e Bollorè ma due grandi società quotate in borsa. In questo senso, Ben Ammar lascia intuire che saranno proprio gli azionisti di minoranza, ad essere determinanti per una soluzione più soft ed evitare quindi il lungo percorso nei tribunali.

Nell’ intervista il più cristiano degli imprenditori musulmani, come ama definirsi, sottolinea la necessità di una convergenza tra i media, per contrastare lo strapotere di big company come Google, Facebook, Netflix e Amazon che presto sbarcherà anche nell’ universo dello streaming online.

Ecco l’ intervista completa all’ imprenditore fatta da Giovanni Minoli e andata in onda ieri su La7.

GUARDA IL VIDEO

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here