Tv » Blog Pay Tv » SportItalia e Solo Calcio. Canali Digitale Terrestre, streaming e Sky

SportItalia e Solo Calcio. Canali Digitale Terrestre, streaming e Sky

SportItalia lo sport è free

I canali SportItalia e SportItalia Solo Calcio. Doppia presenza sul digitale terrestre italiano per la televisione gestita, sia editorialmente che finanziariamente, in qualità di socio di riferimento, da Michele Criscitiello. Il direttore ha portato SportItalia a posizionarsi in maniera chiara e decisa come punto di riferimento assoluto per lo sport in chiaro, materia sempre più rara. E negli ultimi anni il canale si è trasformato in una vera e propria piattaforma, passando da una sola rete televisiva a ben quattro direttamente edite, ospitando in tecnologia HBBTV anche canali tematici di altri editori, sempre a tema sport. Un vero e proprio universo che si poggia su due grandi pilastri, sui due canali principali, free to air, sul digitale terrestre: lo storico SportItalia, al numero 60 e Solo Calcio, al numero 61 sempre del digitale terrestre.

Volete discutere di argomenti come televisione digitale e telefonia? Unitevi alla community di UpGo su Telegram. Iscrivetevi al nostro Canale cliccando qui per continuare a parlare dei canali SportItalia e delle altre piattaforme televisive.

Canale SportItalia Solo Calcio

Da agosto 2021 un grande ritorno sul digitale terrestre italiano. Si tratta di un nuovo canale che però, già in passato, aveva occupato le frequenze italiane anche con discreto successo. Si tratta della rete televisiva SportItalia Solo Calcio, poi ribattezzata Si Solo Calcio (e trasmessa in streaming e in HBBTV) ed ora, con il rilancio sul digitale terrestre al canale numero 61, semplifica il suo nome in Solo Calcio.

Solo Calcio ovviamente trasmette dirette e repliche in alternativa a quanto trasmesso dalla rete principale, offrendo ai telespettatori quindi maggiore scelta e maggiori opportunità per guardare gli eventi trasmessi nei giorni precedenti.

A differenza di SportItalia, che resta di stampo più generalista, il canale Solo Calcio si occuperà solo di pallone, con il piatto più ricco costituito dal Campionato Italiano Primavera e da alcune partite internazionali. Ovviamente tutti diritti accessibili ad un’emittente in chiaro che deve competere in un mercato super affollato che oggi vede il prodotto calcio agguantato e spezzettato da giganti come Dazn, Sky, TimVision, Prime Video e Mediaset (che trasmette sia il calcio free che pay sulla propria piattaforma Mediaset Infinity).

Fare televisione nel contesto attuale, questo è evidente, non è per niente semplice, con un’offerta ampia e variegata di piattaforme a pagamento ma anche di canali gratuiti. SportItalia rappresenta senza dubbio un progetto editoriale indipendente pienamente riuscito. Un piccolo miracolo televisivo, fuori dai grandi broadcaster e sempre più raro. Un canale dalla storia ormai lunga, passato anche da un difficile periodo che lo ha visto sull’orlo del fallimento e poi tornato in auge fino ad imporsi come approdo sicuro per il pubblico italiano. Soprattutto per quel target di spettatori in un certo senso più popolare, meno avvezzo agli streaming e ai mille abbonamenti da sottoscrivere.

Dove si vede SportItalia

Dove si vede SportItalia

Il Canale SportItalia è oggi visibile, come detto, sia sul digitale terrestre al numero 60 (e al numero 61 Si Solo Calcio) sia sulla piattaforma di Sky al numero 225. SportItalia diventa vera e propria piattaforma senza abbonamento però sul web, all’indirizzo www.sportitalia.com dove il canale presenta un proprio mini-bouquet caratterizzato da ben 4 reti televisive. 

SportItalia, il canale principale ricco di rubriche, talk show ma anche ed eventi in diretta su internet è presentato nella sua versione “plus” in alta definizione. Poi c’è Solo Calcio, la seconda rete del gruppo che come spiegato sopra è dedicata al pallone. E ancora le reti televisive SportItalia Motori e SportItalia Live 24 che presenta un flusso costante di notiziari e aggiornamenti giornalistici. Queste ultime due reti sono disponibili solo in streaming e nella tecnologia HBBTV (accessibile nelle tv di nuova generazione connesse alla rete internet).

Come accennato sopra, la competizione è tanta. Da una parte la pay tradizionale di Sky, dall’altra tutto il mondo della televisione in streaming, con Dazn a coprire la Serie A ma anche una miriade di sport anche minori (lo streaming non ha problemi di spazio e palinsesti). E poi c’ è la ricca offerta tv anche sul DTT free dove, oltre a SportItalia, sono presenti le reti TopCalcio24 (del gruppo Mediapason) e RaiSport.

SportItalia su Chromecast e Fire Tv Stick

SportItalia che tanto sta investendo nelle nuove tecnologie digitale ha anche una buona app. La cosa più comoda dell’app è la totale integrazione con due oggetti che come sapete ci piacciono davvero tanto che sono Google Chromecast e Fire Tv Stick. La Chromecast di Google in particolare, oggi in via di trasformazione in Google Tv, è un oggettino hi-tech davvero molto semplice da usare. Collegato alla televisione di casa (basta una presa HDMI che oggi hanno praticamente tutti i televisori) può interfacciarsi con il nostro smartphone e trasmettere sulla tv quasi tutti i contenuti streaming che vediamo agevolmente sul telefonino. Costa poche decine di euro ed è davvero super comoda per SportItalia ma anche per YouTube, Dazn, Now, Netflix e Disney Plus.

La ricetta Michele Criscitiello

Michele Criscitiello SportItalia

Una formula non banale quella di Michele Criscitiello, il papà di questo grande progetto. Perché SportItalia deve senza ombra di dubbio guardare ai costi. In assenza di abbonamenti, acquisire diritti che contano è difficile. E allo stesso tempo il calcio in tv, è bene ricordarlo, è stato la trappola mortale anche di progetti finanziariamente super solidi. Uno tra tutti, Mediaset Premium che proprio nella foga di acquisire diritti importanti e macinare abbonamenti ha sfiorato il naufragio.

Quella di Criscitiello è decisamente una ricetta oculata e poco spendacciona. Intelligente e portatrice di valore per l’intero ecosistema sportivo italiano. SportItalia acquisisce infatti prevalentemente competizioni meno blasonate, creando attorno a questi eventi un vero e proprio spettacolo degno della teatralità degli appuntamenti internazionali. Non a caso in SportItalia chiamano il Campionato Primavera “la nostra Champions League”. A riprova che si può restituire spettacolo non solo ritrasmettendo appuntamenti ma anche creando eventi. Con capacità editoriale e creatività.

Il Calciomercato su SportItalia

Piatto forte del menù SportItalia è anche il calcio chiacchierato. Costa poco e fa grandissimi ascolti. Durante il periodo del calciomercato il canale principale SportItalia si accende con dirette che durano ore e con picchi di ascolto che raggiungono l’1,6% di share sul target commerciale. Numeri anche superiori a quelli raggiunti dalla televisione a pagamento, segno che la formula di “televisione popolare” a tema sport è viva, funziona e catalizza interesse, sia in televisione che sui social network.

Quella di SportItalia è una storia lunga, anche caratterizzata da cadute importanti ma con al centro un progetto solido e tanta voglia di innovare, guidati dalla passione di dare a tutti la possibilità di guardare lo sport in tv, gratuitamente.

Cosa ne pensate? Siete telespettatori di SportItalia? Come sempre, nei post di UpGo, ora la parola passa a voi. Potete commentare qui sotto, usando lo spazio commenti che, lo ricordiamo, non prevede alcuna registrazione. Oppure come detto all’inizio potete dire la vostra su SportItalia e sulla sua programmazione direttamente sul nostro Canale Telegram raggiungibile a questo link.

9 commenti su “SportItalia e Solo Calcio. Canali Digitale Terrestre, streaming e Sky”

  1. per favore, perchè non mettete il nome delle persone che parlano, durante le dirette, noi vorremmo sapere chi sono….direttori sportivi, allenatori, ex calciatori, giornalisti…….grazie

    Rispondi
  2. Dopo tutto quello che sta succedendo nel calcio[arbitri che gonfiono le parcelle e quindi fanno pensare anche all’andamento dei campionati non veritieri. Ai calciatori che si vendono al miglior offerente che definisco come gli schiavi di una volta,ma con una grande differenza, che quei poveri disgraziati non venivano pagati, se non con maltrattamenti, questi schiavi di oggi sono dei poveri sottolineo poveri di qualsiasi forma di cultura di vita, ma arricchiti. Ed in fine delle società di trasmissione televisive, che anch’esse mercenarie.] Quindi alla fine, nel vostro piccolo, siete una boccata di ossigeno per un paziente ammalato.

    Rispondi
  3. Buonasera, non è definito il giorno esatto, dalla emissione del canale 61, dato che oggi da ancora televendite , perfavore definite il giorno esatto, così posso fare la riqualificazione del Canale 61, grazie

    Rispondi

Lascia un commento